Recensione: Herbie Brennan, Il Regno in pericolo.

il-regno-in-pericolo.jpg

Herbie Brennan

 

Il regno in pericolo.

 

Non è il primo volume della saga, ciononostante pur non avendo letto i precedenti non ci si trova spersi.
La scrittura semplice e accurata scorre facilmente con un sottile filo d’ironia descrivendo un mondo elfico un tantino tecnologizzato parallelo al nostro. Il libro è un susseguirsi di colpi di scena e non è per niente prevedibile, di piacevole lettura, alcuni personaggi sono un po’ classici, però molto ben gestiti.
Narra le fatiche della giovanissima regina degli Elfi Aurora nella gestione del regno sull’orlo di una guerra civile con gli elfi notturni e al tempo stesso nel mirino dei Demoni degli Infera che stanno preparando un’invasione su larga scala, che sembra impossibile riuscire a bloccare.

Un libro senza dubbio adatto anche ai ragazzi.

Recensioni

Ciao gentile viandante del web,
in preda alla noia incalzante (Qui non succede mai niente, dopo essersi scannati come matti, da queste parti regna la quiete assoluta, pare che adesso dialoghino…boh), abbiamo deciso di aprire una nuova rubrica:RECENSIONI.
Scriveremo le recensioni dei libri che ci sono piaciuti di più. Quelli del vostro mondo ben inteso, perchè qui abbiamo una bibblioteca, dove entrare è facile, uscire un po’ meno, è labirintica.
Parleremo solo dei libri che ci sono piaciuti, perchè non è bello parlare male degli autori, è contrario alla nostra bella etica professionale, siamo mostri non pettegoli e poi può sempre darsi che quello che a noi fa schifo a qualcun altro piacia.
Avremmo voluto avere il sostegno del nostro autore per questa nuova rubrica, ma come al solito si è defilato, non è molto presente. Meglio gli autori hanno uno strano modo di vedere le cose.
Non commenteremo solo libri fantasy ma tutto ciò che ci capita tra le zampe e ci piace… come detto abbiamo molto tempo per leggere, inoltre la lettura on-line ha per noi di positivo di evitare che qualcuno tra i presenti poco soddisfatto della lettura e affamato si possa mangiare il libro prima che gli altri abbiano finito di leggerlo.
Qualcuno potrebbe dirci come finisce Il Nome della Rosa? Qui si sono mangiati la fine del libro, pare che non procedesse con la velocità sperata, oltre ai famelici, abbiamo anche gli ansiosi che non sanno aspettare la fine. Il pendolo di Foucault ha fatto una fine ancora peggiore, pare che non abbiano retto le trenta pagine o quante erano di descrizione del museo… come detto la pazienza non è una virtù mostruosa.
A presto gentile lettore.