caccia ai vampiri

Piccolo estratto da Malus di N.Latteri Scholten. I mostriciattoli spiegano le loro originali tecniche di caccia al vampiro alla protagonista Desierée.

Leggi e commenta i primi capitoli gratis:

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=1034024

27.jpg

 

Uno dei piccoli mostri ebbe un’idea.

«Divertirsi ad ammazzare i vampiri vale come cattiveria?».

«Accidenti! E come fate?» lo stupore di Desirée li riempì d’orgoglio e la circondarono smaniosi di spiegarle i particolari della caccia.

«Non è facile, bisogna colpirli quando volano come pipistrelli» strillò uno di loro.

«Con cosa li colpite?».

«Sputo» gridò uno dei più grossi, uno più magrolino tenne a precisare.

«Per questo è così difficile, perché bisogna riuscire a sputare abbastanza in alto con una considerevole quantità di sputo catarroso da colpire il pipistrello, appesantire le ali e farlo cadere a terra».

I campioni di sputo si fecero avanti, per ricevere gli applausi degli altri, anche Desirée applaudì entusiasta.

«Una volta a terra è finito. Prendiamo un’alabarda e lo facciamo pezzi pezzi»

«In conclusione: se era un pipistrello ci ritroviamo con un buon macinato di carne pregiata, se era un vampiro… beh niente, fanno puff e si polverizzano».

«Altro digiuno».

Desirée era rimasta a bocca aperta.

«Ma… io pensavo che i vampiri fossero difficilissimi da uccidere, ci vogliono armi speciali».

«Ehi Bimba, tu sembri non volere capire dove ti trovi, quelle sono cose che valgono per il Mondo degli Uomini, non qui. Da che cosa ti credi che le guardie difendono il nostro eccelso e stellare padrone? Le loro armi funzionano su qualsiasi creatura delle tenebre».

«Per questo le usiamo anche noi».

«E… Malus non si arrabbia se gli ammazzate i sudditi?».

«Frega niente dei sudditi»

«Vampiri stanno particolarmente su palle a padrone» uno di loro si avvicinò a Desirée e con fare confidenziale le raccontò.

«Pare che alcuni di loro si siano fregiati del titolo di Principe delle Tenebre o addirittura: Principe della Notte, è usurpazione. È già molto se non li ammazza lui appena si presentano al suo cospetto» Desirée annuì, aveva capito la questione, però stava per sentirsi male per il fetore pestilenziale del suo alito. Si allontanò per riprendere fiato, si guardò intorno pensando che forse non era igienico toccare le pareti, osservando.

«Però… nell’ottica del bene comune, ammazzare i vampiri è una buona cosa».

«Esasperante!».

«Bimba malevola».

«Senti bella disfattista, vuoi fare la fine dei vampiri?» Desirée ebbe un brivido di ribrezzo, forse era meglio cambiare argomento, quella era veramente una fine disgustosa.

 

Malus è uscito!

 

 

 

 

 

 

Questa è la nostra nuova e splendida copertina!

Ci scusiamo per la lunga assenza dovuta all’esigenza vitale di costringere il nostro autore a stringere i tempi e decidersi di pubblicare finalmente le nostre avventure.

a questo link potete leggere i primi capitoli di Malus e comprarlo.

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=992279

Purtroppo la lettura gratis finisce proprio quando il romanzo comincia ad essere originale e noi non ci siamo ancora, come potrete ben capire, non siamo stati noi a decidere, d’altrone noi siamo dei semplici personaggi e non i protagonisti… non siamo nè lo splendido Malus Principe della Notte, nè il temibile drago Penumbra, o la sfacciata ragazza Desirée.

Per chi ancora non lo conscesse alleghiamo una breve descrizione:

 

Il giovane drago Penumbra viene inviato come agente segreto nel Midgard con l’incarico di sottrarre agli uomini un’arma capace di distruggere Madre Natura.

 

Malus, il bellissimo Principe della Notte, entrato in possesso dell’arma è intenzionato ad usarla per fuggire dalla fortezza di Nachtfels in cui è rinchiuso ed invadere il Midgard con un esercito di creature delle tenebre.

 

In mezzo a tutto ciò viene a trovarsi Desirée, un’irriverente ragazza del nostro mondo con un passato da ballerina classica e punk, che insieme a dei sboccati e colorati mostriciattoli a ritmo di rap cerca d’affrontare la questione a modo suo.

 

Nei più oscuri meandri della fortezza di Nachtfels si nasconde, però, un’entità la cui malvagità è di tale portata da scombinare i piani del drago. Le tenebre non saranno più sicure nemmeno per il Principe della Notte.

 

Malus è un romanzo corale, insolito, a più livelli di lettura che combina insieme umorismo e dramma, dove Bene e Male si scontrano nel buio di un castello ai confini del mondo, in un duello senza esclusioni di colpi, giocandosi il tutto per tutto e come per incanto il Fantasy diventa ribellione.

Un abbraccio a tutti e buona lettura, fateci sapere cosa ne pensate ciao

MALUS I. Il messaggio 2 (i primi capitoli)

 

Malus, fantasy, romanzo, libro,

Cosa poteva avere mutato l’acqua sorgiva in sangue? Percosse con forza il suolo col lungo bastone magico, pronunciando un contro incantesimo, ma non cambiò niente, se avesse usato un comune manico di scopa, avrebbe sortito lo stesso effetto; aveva la sgradevole sensazione che la sua magia non avesse alcun potere di fronte a quello scempio e fosse divenuta semplicemente inutile. Con che cosa aveva a che fare? Quella domanda lo inquietava più dello stesso sangue.

Brandendo il bastone, sua unica arma contro quell’oscuro maleficio, si chinò cautamente sulla sorgente nelle cui acque così spesso aveva spiato gli avvenimenti del mondo, non riuscì nemmeno a vedere la propria immagine riflessa. Difficile specchiarsi nel sangue se si ha il cuore puro. L’unica cosa che poté carpire a quella linfa venefica fu un urlo distorto dalla lontananza, ripetuto più volte.

«Uhtfolga, Uhtfloga» era la lontana eco della voce di un demone che gridava nell’oscurità.  Tradotto nella nostra lingua significa qualcosa come “colui che vola nella penombra” e proseguiva biascicando un oscuro indovinello.

«Volavit volucer sine plumis, sedit in arbore sine foliis… conscendit illam sine pedibus, assavit illum sine igne…».

Attese trattenendo il respiro. La voce riprese più confusa, lontana.

«Nox iam appetit… redit…» più chiaramente riuscì a distinguere «…Occidere… ». Gilduin tremò mentre lo sentiva dire « Nocte intermissa est… ».

L’angoscia si fece largo nel cuore di Gilduin, in che modo le forze demoniache potevano essere riuscite a contaminare a tal punto la sorgente incantata? Di quale straordinaria forza disponevano per riuscirci? Chi erano? Pensò d’andare a consultare i suoi libri, uscì sgomento e rimase impietrito da ciò che si trovò dinanzi: gli alberi avevano perso tutte le foglie, non vi era più un filo d’erba su tutta la collina. Era come se la morte contenuta in quella voce malefica, avesse impregnato le radici delle Querce Sacre, qualcosa stava nascostamente avvelenando il nostro mondo. Le querce lo avevano recepito.

Il vento adesso sollevava gli steli secchi che erano stati erba e lambiva i sassi. A memoria d’uomo non era successo niente di simile. La natura sembrava moribonda, quello era un infausto presagio di morte, se non proprio la morte stessa. Per la prima volta in vita sua Gilduin si fece prendere dal panico, si agirò inquieto tra i rovi secchi, pregando, urlando formule magiche e percotendo il suolo col bastone magico, usò tutti gli artifici a lui noti per salvare questo luogo sacro, ma non servì a nulla. La collina si era trasformata in un’altura scarna, sembrava che la vita non l’avesse mai toccata.

Alcune ore dopo, quando Gilduin era ormai in preda alla disperazione e prossimo alla rassegnazione, il fenomeno della voce si ripeté, la seconda volta, però non fu un urlo, ma un impercettibile sussurro che canterellava l’antico indovinello.

 «Volavit volucer sine plumis, sedit in arbore sine foliis…. Conscendit illam sine pedibus, assavit illum sine igne…»  e poi ripeté tutto di nuovo.

Gilduin si precipitò verso la fonte urlando «Chi sei?».

L’indovinello si ripeté e poi come un timido balbettio aggiunse: «Penumbra». Al vecchio vate sembrò quasi di cogliere una lontana risatina, poi tutto svanì nel silenzio.

 La collina si ricoprì nuovamente d’erba e fiori, gli alberi germogliarono drizzando le maestose chiome al cielo e gli uccelli ripresero a cinguettare e svolazzare giocosi come se niente fosse accaduto. La natura risplendeva superba e spavalda mostrando all’uomo ciò che non era in grado di capire.

MALUS I. Secondo capitolo: Il messaggio

[pictures_4ever_eu]%20huge%20tree,%20dwelling,%20moon,%20fantasy%20160048.jpg

 

Fu proprio il vecchio Gilduin, il primo a capire che stava per accadere qualcosa di infausto.

A quei tempi era il custode del santuario delle Quattro Querce, uno dei cuori pulsanti del nostro mondo.

Il santuario delle Quattro Querce non fu eretto da mano umana, almeno è ciò che ci piace credere. Fu un prodigio della stessa natura a far nascere queste imponenti querce ai bordi della collina in corrispondenza dei punti cardinali, creando in tal modo un luogo di rara magia.

L’Antico Popolo, che abitava queste terre prima di noi, veniva qui per adorare questi giganteschi alberi come divinità, li chiamavano i germogli di Yggdrasill che regge i nove mondi, asse del nostro universo. Non escludono però che questo posto possa essere ben più antico, alcuni dicono risalga al tempo dei costruttori dei cerchi di pietre, un popolo di cui abbiamo perfino dimenticato il nome, altri ancora lo riconducono agli stessi Wanen, gli Dei. Le Querce Sacre ormai sono le uniche custodi della verità.

Qui è come se tutti gli esseri viventi, comprese le piante, avessero un’anima che reagisce agli avvenimenti del Mondo degli Uomini, cambiando colore, specie vegetale e intensità, secondo ciò che turba o allieta la nostra grande Madre Terra, perciò quello che altrove sono le stagioni, qui sono le vicende del mondo, le sue gioie e i suoi dolori.

 La carica di custode è di grande prestigio, ed è molto ambita dai venerandi saggi, perché ricoprirla significa essere a diretto contatto con la Madre Terra ed i suoi più intimi segreti. È un compito nel quale durante i secoli si sono succeduti alcuni tra i più illustri maghi, è molto arduo da ottenere, poiché è elettivo, ma non sono gli uomini a scegliere, bensì il santuario stesso ricoprendosi di gigli bianchi quando il prescelto lo calpesta, quindi per gli ambiziosi è perfettamente inutile affannarsi per ottenerlo, gli è irraggiungibile. Il vecchio Gilduin, però, non era mai stato ambizioso, era un puro di cuore ed amava sinceramente il santuario.

Seduto davanti alla casa del custode, seminascosta tra le gigantesche radici della quercia Sud, il saggio Gilduin fumava tranquillamente la lunga pipa e si godeva la mattina osservando da lontano i contadini che si recavano alla fiera seguendo il sentiero in fondo alla valle. 

Il vecchio vate era un po’ pensieroso, negli ultimi giorni sul prato erano più volte apparse delle misteriose rose bianche, appena aveva cercato di toccarle, si erano dolcemente chiuse ed erano svanite nel nulla, era un evento anomalo che lo aveva incuriosito.

Stava ancora rimuginando sul fenomeno, quando inaspettatamente vide l’intera collina ricoprirsi di rose, ma questa volta erano rosse come il sangue. Gilduin sorpreso, emise un lungo sbuffo di fumo, non era mai accaduto che un unico genere di fiori coprisse l’intera collina, per giunta di quel colore… prese a soffiare un vento caldo, fastidioso, gli seccava la gola, mise via la pipa e si alzò, non gli piaceva: il vento si era levato improvviso, era giunto insieme alle rose.

Impensierito, si diresse alla quercia Ovest, che nel tronco cavo cela una piccola sorgente d’acqua incantata, forse lì avrebbe trovato una risposta. Un breve tragitto che si rivelò fastidiosamente scomodo, i ramoscelli spinosi s’impigliavano nelle vesti, come se lunghe mani artigliate tentassero di trattenerlo impedendogli di camminare. Strappando via i vestiti dai rovi, Gilduin sempre più nervoso si fece largo fino alla quercia, entrato nel tronco cavo, al riparo dal vento caldo, vide con sgomento che la sorgente era rossa di sangue. Immobile davanti a quello scempio, cercò di ricordare se avesse sentito o letto di qualcosa del genere verificatasi in passato, ma non gli venne in mente niente. Di fronte a lui, in quello che era stato il suo posto preferito, c’era solo una pozza rossa, si chinò e annusò il liquido pastoso, era realmente sangue, gli venne la pelle d’oca.

 

Malus. I primi capitoli

11.jpgCiao a tutti i gentili viandanti che visitano il nostro blog.

Tra poco uscirà la nuova edizione di Malus molto rivista e aggiornata, per questo abbiamo deciso di ripubblicare i primi capitoli, che sono un po’ cambiati, anche perchè il nostro autore non sa stare con le mani ferme!

Ti cambia la vita e nemmeno te ne accorgi…

tenetevi forte tra poco arriviamo.

MALUS. L’inizio. Capitolo primo

Il racconto del giullare

 

Chi è costui, vi chiederete voi. Ecco, mi presento: sono un giullare e quanti mi conoscono, credo, siano pronti a giurare che sono pazzo. Folle, nel vano tentativo di sfidare la magia col solo ausi­lio dell’intelletto. Sognatore, perché credo nella grandezza dell’uomo. Male­detto, perché non affido le mie speranze a un raggio di Sole. Dannato, perché ho cercato di cancellare i colori dell’arcobaleno, lasciando solo il rosso del sangue. Il mio sangue sulle mie mani. Eppure, vi fu un tempo lontano in cui fui principe, figlio di grandi re, in se­guito impugnai la spada come bandito, ma le mie armi preferite furon e saranno le parole, messaggere della mia più intima essenza che è sempre stata un’anima di giullare.

Da questa collina verdeggiante vedo le foglie tremare al sottile respiro del vento e mi torna in mente soave il suono dei flauti, dei liuti, della mia amata arpa, spensierato sottofondo delle corti principesche, eppure ogni volta che vorrei d’abbandonarmi ai ricordi, irrompe il fragore scellerato dei campi di battaglia, lo sguardo spietato dei condottieri con i pugni insanguinati stretti sulle spade, ed è inutile negarlo, io ero tra loro.

 A quest’ora i fianchi della collina si tingono d’oro, e i tanti fiori che li ricoprono assumono tinte calde, madide di vita, sento il loro profumo abbracciarmi, quasi a volere diventare la mia linfa, ma non è che un’illusione… . Così, come se volessi rispondere ad un muto richiamo, ogni sera vengo a sedermi sotto questa quercia, rivolto a nord, col cuore proteso verso i confini settentrionali del nostro mondo, verso funesto Niflar, il Paese delle Nebbie, che divide la Terra degli Uomini, dei vivi, il Midgard, dal mondo dei morti, l’Hell. Guardo in lontananza sperando di potere vedere la bruma scivolare fina tra i boschi, venirmi incontro, cercando me, figlio del Paese delle Nebbie. Ballavo, cantavo, scherzavo, ma il mio cuore era dominato dalla nebbia, non c’era piacere umano che potesse dissolverla, allontanarla da me. Già perché all’epoca non volevo ammettere nemmeno questo: la mia natura elfica e non umana.

Alcune saghe evanescenti c’identificano con gli elfi neri, ma nelle notti d’inverno, quando la bruma arriva a sfiorare le cime scure degli abeti, il vento canta il nostro antico nome: eravamo i Nibelunghi, adesso siamo pochi errabondi senza terra e un passato che non è altro che una confusa leggenda nella stessa legenda.

Ed io, solitario principe di una stirpe maledetta, artefice della propria tragedia, detentrice di allettanti tesori che tante rovine generarono, cosa spero di potere intravedere nascosto dietro la nebbia? Un amore disperato, i miei crimini, la mia rabbia?

Forse vi sto raccontando questa storia, perché penso che sia giunto il momento di tornare indietro nella parte più buia del mio passato e confrontarmi con ciò che più temo: me stesso; riaprendo cicatrici che il tempo non può sigillare e il cuore non ha la forza di sfuggire. Sembrerebbe non avere senso, eppure solo così, forse, riuscirò a ritrovare la mia anima di giullare, persa nelle nebbie dell’odio, essa stessa tenue ombra, nebbia tra le nebbie.