Malus. Tenebricus, 6.

 

«Ma non dire stupidaggini, al tuo padrone servo viva ».

«Vieni qua bella bambina, dai vieni», rispose sibilando la disgustosa creatura  continuando ad avvicinarsi pericolosamente.

Desirée si mosse in modo da potere tornare indietro, ma proprio in quel momento qualcosa di terrificante la toccò, aveva accanto l’essere che usciva dal buio, ebbe un sussulto di paura incontrollato che le fece perdere l’equilibrio e prima ancora di rendersene conto, cadde nel vuoto precipitando lungo le pareti lisce del castello.

Prima di sprofondare tra le onde, riuscì a respirare l’aria pungente, fu come se nella sua mente avesse brillato per un attimo la luce dei ghiacci del Nord allontanando il buio di Tenebricus che le era entrato dentro, vide distintamente il bagliore sfavillante avvicinarsi. La forza dell’impatto scoordinato con l’acqua e la spinta verso il basso le provocarono un intenso dolore, che per un attimo la riportò nel mondo spaventoso dal quale era appena riuscita a fuggire, mentre sprofondava verso il basso, le sembrò di vedere una luce avvicinarsi dall’alto, non era un’illusione, era bellissima; incuriosita cercò di raggiungerla, dopo poche bracciate ebbe l’impressione di veni­re agguantata da un gigantesco orco, che la strinse con una terribile morsa, quasi la volesse spezzare in due.

Qualcosa o qualcuno l’aveva realmente afferrata, la stringeva in modo insopportabile e si dimenava nell’acqua, infine con un colpo secco e per lei doloroso, riuscì ad uscire dall’acqua. Solo allora, Desirée si rese conto che una gigantesca aquila marina l’aveva stretta tra gli artigli, e con un possente colpo d’ali, uscita dall’acqua, si stava faticosamente alzando verso Tenebricus, salì fino a raggiungere le guglie più alte del castello, lo sorvolò interamente, posandosi infine su di una torre nel versante opposto, dove già la attendevano schierati i guerrieri ombra.

L’aquila, deposta Desirée semisvenuta sul pavimento, batté le ali e con un grido agghiacciante si trasformò nel Principe della Notte. L’uomo fece un cenno ai guerrieri, i quali sollevarono la ragazza e la portarono all’interno della torre in una graziosa camera riccamente arredata. La distesero su un soffice letto a baldacchino, mentre Principe della Notte, si appoggiò al camino acceso per asciugarsi massaggiandosi indolenzito la spalla.

Malus. Tenebricus, 6.ultima modifica: 2012-05-06T17:08:33+02:00da mostro-16
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento