Malus I. Segreti in cantina 10.

« Come no: solidale con noi stessi, mi sembra più che giustificato, è amicizia tra popoli come giustamente dice Gaby », obiettò Desirée senza riuscire a nascondere un leggero sorriso d’impertinente compiacimento.

« In caso di nuovo conflitto internazionale o grave crisi economica Desirée riaprirà la locanda », spiegò Gaby alzando il bicchiere per un brindisi, Desirée rispose alzando il suo.

« Anche perché ho ancora i magazzini pieni di superalcolici, non ne posso più di biscottini al rum, torta al rum, crema al rum, arrosto al… ».

« Basta! Abbiamo capito. Vuoi vedere il resto?» chiese Gaby alzandosi per interrompere la litania di Desirée che rischiava di diventare lunga, Sophie annuì e la seguì.

Appena furono uscite, Desirée con uno scatto felino si alzò e raggiunse la scaletta che portava all’interno della torretta dove si trovava il posto di comando in combattimento. Quel vano forse più di ogni altro era stato invaso dall’alta tecnologia, tre schermi a cristalli liquidi, più uno che dava la posizione tridimensionale dell’U-boot, erano stati sistemati nei pochi spazzi lasciati liberi dagli strumenti, molti dei quali erano stati rimossi e sostituiti con apparecchiature più moderne, tanto da fare somigliare il ponte di comando più all’interno di un’astronave che a quello di un attempato sottomarino.

Desirée si sedette sul seggiolino scricchiolante, allungò la mano sulla tastiera che stava alla sua destra e digitò nuovamente la parola misteriosa. Il ponte s’illuminò leggermente, su uno schermo trasparente, che le stava di fianco, presero a scorrere cartine di terre lontane percorse da brevi guizzi di luce.

La ragazza le osservava impassibile, solo una sottile ruga sulla fronte lasciava trasparire i suoi pensieri. Si sporse e con un tasto accese il quadro di comando poco più in basso, poi digitò velocemente qualcos’altro sulla tastiera continuando a tenere d’occhio lo schermo. Le attrezzature stavano assorbendo una grande quantità di dati, quando il turbinio di segni rallentò, disse tra sé a bassa voce « Da personcina educata bisogna rispondere ».

Malus I. Segreti in cantina 10.ultima modifica: 2012-02-23T21:24:27+01:00da mostro-16
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento